Cos’è la dermatite atopica?

La dermatite atopica è una delle più comuni malattie di natura allergica, manifestata in forma grave, che colpisce la pelle. La malattia è causata da dermatiti geneticamente e, purtroppo, è cronica. Le manifestazioni di dermatite atopica sono piuttosto tipiche.

Il principale sintomo clinico della dermatite atopica può essere considerato prurito. Si trova in tutte le fasce d’età.

La dermatite atopica della malattia è una manifestazione locale di disturbi interni nel sistema immunitario.
Nella diagnosi della dermatite atopica, prima di tutto, il trattamento deve essere completo e contribuire alla normalizzazione delle funzioni generali del sistema immunitario. A questo proposito, il ruolo chiave nel trattamento della dermatite atopica dovrebbe essere dato ai farmaci immunotropici o, in altre parole, agli immunomodulatori.

Nella pratica medica, per il trattamento della dermatite atopica, il farmaco Timogen viene utilizzato per diversi anni, che è disponibile sotto forma di crema, spray nasale e anche in forma parenterale.
(Informazioni sull’uso di Timogen per i professionisti)

Anche se c’è stato un enorme passo avanti nella medicina in questo settore, la questione di come trattare la dermatite atopica è ancora piuttosto acuta. Il problema del trattamento della dermatite è grave e richiede sia il lavoro congiunto del medico con il paziente e il supporto del paziente da parte dei suoi familiari.

Come si manifesta la dermatite atopica?

Di solito le prime manifestazioni di dermatite atopica iniziano nell’infanzia. Tuttavia, ci sono casi in cui la dermatite atopica si è fatta sentire in età avanzata.

Nella metà dei pazienti, i primi segni di dermatite atopica compaiono già nel primo anno di vita. Di questi, il 75% dei primi sintomi può essere riscontrato tra i 2 ei 6 mesi. Più rari sono i casi in cui si riscontra la dermatite nei pazienti nel periodo da uno a cinque anni di vita. Il caso più raro è la comparsa di un quadro clinico in un aumento di 30 anni o addirittura in un 50enne.

I maschi sono statisticamente più suscettibili alla dermatite atopica.

In tutte le fasi della dermatite atopica si osserva un prurito intenso e una maggiore reattività cutanea a vari stimoli.

Il prurito è di solito il precursore di un rash cutaneo e cambia la sua intensità durante il giorno, aumentando di sera.

Successivamente, prurito sulla pelle ci sono eruzioni cutanee sgradevoli, gonfiore e graffi.

Diagnosi e sintomi della dermatite atopica nei bambini

Il concetto di “dermatite atopica” non è troppo comune al di fuori dei circoli medici. In comune la dermatite è comunemente chiamata diatesi, in medicina, tuttavia, non esiste una cosa del genere. Allo stesso tempo, ci sono fasi di dermatite atopica: la prima, quella infantile, che si chiama diatesi, per bambini, così come per gli adolescenti (tardi).

Il bambino, il primo stadio, è un periodo di 2 anni. Macchie rosse appaiono sulla pelle del bambino, più spesso localizzate sul viso (sulle guance e sulla fronte). La dermatite è piuttosto acuta: le zone colpite si bagnano, si forma gonfiore, si forma la crosta. Oltre al viso, anche altre zone del corpo (glutei, gambe, cuoio capelluto) possono essere soggette a dermatite. Lo stadio acuto è caratterizzato da pelle arrossata e elementi papulari (dossi cutanei).

Il periodo di esacerbazione della dermatite è caratterizzato dal fatto che papule e macchie rosse compaiono principalmente nelle pieghe della pelle, dietro le orecchie, sulla superficie delle articolazioni del gomito o del ginocchio. La pelle diventa secca e inizia a staccarsi. Successivamente, nel bambino appare una cosiddetta “faccia atopica”. La pigmentazione migliorata intorno agli occhi, le frizioni addizionali sulla palpebra inferiore e il colore opaco della pelle caratterizzano la “faccia atopica”.

Se la fase della dermatite atopica non è aggravata, il più delle volte la dermatite si manifesta sotto forma di pelle secca e crepe sulla pelle sulle superfici posteriori delle mani e nell’area delle dita.

Complicazioni della dermatite atopica nei bambini

Atrofia della pelle, insieme con l’aggiunta di batteri piodermici, con dermatite atopica, sono tra le complicanze più frequenti.

Vale la pena ricordare che nel trattamento della dermatite atopica, si dovrebbe evitare di graffiare la pelle, in quanto violano la barriera e le proprietà protettive della pelle, influenzando in modo abbastanza negativo. I graffi intensi possono contribuire allo sviluppo di infezioni microbiche e alla comparsa di flora fungina.

Quando si forma la piodermite sulla pelle si formano pustole, che dopo un po ‘di tempo si prosciugano e al loro posto si formano croste. Le eruzioni cutanee possono essere localizzate completamente diverse. I batteri piodermici causano la febbre e una violazione del benessere generale negli esseri umani.

Un’altra complicazione che si verifica spesso con dermatite atopica è un’infezione virale. Sulla pelle compaiono bolle piene di liquido trasparente. Questo è provocato dal virus dell’herpes, che è l’agente eziologico del cosiddetto freddo sulle labbra. Tali eruzioni cutanee si formano spesso nell’area dei focolai infiammatori, ma possono anche interessare la salute della pelle o delle mucose (cavità orale, genitali, occhi, gola).

Il danno fungino è anche una frequente complicazione della dermatite atopica. Molto spesso le unghie, la superficie pelosa della testa e le pieghe della pelle sono influenzate dal fungo. Questo è tipico per gli adulti. Nell’infanzia, il fungo colpisce più spesso la mucosa orale.

Entrambe le lesioni batteriche e fungine possono verificarsi contemporaneamente.

Circa l’80% dei pazienti che soffrono di dermatite atopica spesso sviluppano asma bronchiale o rinite allergica. Questo di solito si verifica nella tarda infanzia.